Un caffè alla carta. Meno costi e più sicurezza.

UN CAFFE ALLA CARTA MENO COSTI PIU SICUREZZA AVV SILVIA DI VIRGILIO LEX AROUND ME MILANO

Un caffè alla carta. Meno costi e più sicurezza.

Oggi è entrata in vigore la Direttiva Europea n. 2366/2015 “Payment service direttive 2” (PSD2), che vieta il sovrapprezzo per gli acquisti effettuati nei negozi e online con strumenti di pagamento elettronici.

Il provvedimento prevede anche nuove regole per la protezione dei pagamenti online effettuati da device mobili e non, con bancomat e carte di credito.

La normativa non riguarda soltanto i pagamenti effettuati da singoli cittadini ma anche quelli delle aziende.

Tra le novità introdotte c’è:

  • l’impiego del credito telefonico come mezzo di pagamento per alcune tipologie di beni e servizi
  • la riformulazione del perimetro di deroga per gli strumenti cosiddetti “a spendibilità limitata”

Per favorire i pagamenti digitali viene confermato e generalizzato il divieto di applicare il sovrapprezzo per l’uso di un certo strumento di pagamento.

I pagamenti tramite carta di debito e prepagata avranno una commissione interbancaria per ogni operazione di pagamento che non potrà essere superiore allo 0,2% del valore dell’operazione stessa.

Per le operazioni tramite carta di credito la commissione interbancaria per operazione non può essere superiore allo 0,3% del valore dell’operazione.

In caso di furto o frodi con carte o bancomat fino a ieri il cliente era tenuto a pagare € 150,00 per operazioni che non riconosceva effettuate prima della sua denuncia.

Ora la franchigia scende a € 50,00.

Aumenta anche la trasparenza dei costi di commissione quando si acquista in una valuta europea diversa dall’euro.

Aumenta la protezione della privacy di chi utilizza il Fintech – la tecnologia applicata ai servizi finanziari – e che creano un legame tra il conto del cliente e quello del venditore.

Da ora anche si dovranno rispettare standard molto rigidi di protezione dei dati finanziari e dovranno dotarsi di una sicurezza ulteriore per assicurare le transazioni.

I consumatori saranno inoltre più protetti quando effettueranno i pagamenti.

Accenture ha intervistato circa 80 executive responsabili dei servizi di pagamento presso grandi società di vendita al dettaglio e banche di tutta Europa.

Quasi un terzo degli intervistati ha dichiarato che sarà in grado di collegarsi direttamente alle banche per acquisire le informazioni relative ai clienti e gestire disposizioni di pagamento.

Circa il 90% sarà in grado di farlo entro il 2019.

E’ evidente che i retailer non devono lasciarsi sfuggire l’opportunità di accettare pagamenti bypassando intermediazioni e garantendo procedure di rimborso più rapide, migliorando così la customer experience.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.