Contraffazione e Made in Italy

CONTRAFFAZIONE E MADE IN ITALY LEX AROUND ME

L’Italia, si sa, è la patria del buon cibo e del buon vino.

Ma soprattutto del buon affare, se si pensa che il consumo all’estero dei prodotti italiani ha fatto registrare un record storico nelle esportazioni con un balzo dell’8,9% nel 2021. Dopo essere stato l’unico settore in crescita anche nell’anno precedente con un valore di 46,1 miliardi. (Fonte Coldiretti, 20 luglio 2021)

Ma i prodotti alimentari Made in Italy sono anche quelli più contraffatti.

Dal Parmigiano Reggiano, importato dall’estero e spacciato per italiano, all’olio extravergine d’oliva colorato artificialmente, passando per le mozzarelle di bufala prodotte con cagliate surgelate dell’est Europa. E tra i cinque prodotti italiani più contraffatti al secondo posto si colloca il vino.

 

CONTRAFFAZIONE E MADE IN ITALY LEX AROUND ME

Photo by Mae Mu on Unsplash

La contraffazione del vino italiano

Infatti aumenta sempre di più il commercio di vini a base di preparati in polvere spacciati per alcuni dei migliori DOC e IGP italiani: dal Barolo al Chianti, passando per il Valpolicella.

Oppure vini con aggiunta di zucchero al mosto per ottenere un vino a gradazione più alta. Pratica vietata – e giustamente aggiungerei – in Italia.

Di recente è finita sulla bocca di tutti, e non per ragioni degustative, la “battaglia” tra Italia e Croazia per l’ottenimento della denominazione IGP o DOP per il vino Croato “Prosek”. La Croazia ha registrato già dal 2004 il marchio figurativo PROSEK in ambito comunitario per il suo vino, insieme al marchio ISTRA PROSEK.

E già su questo aspetto ci sarebbe da discutere in termini di assonanza e confondibilità, soprattutto all’estero, tra il marchio PROSECCO e PROSEK.

Ma la “scaltrezza” di averlo registrato come marchio figurativo consente di riconoscere, anche a prima vista, la diversa connotazione del marchio e, soprattutto, la sua provenienza.

Il problema attuale è il riconoscimento anche per il vino Croato dell’Indicazione Geografica Protetta (IGP) e della Denominazione di Origine Protetta (DOP).

A rigor di logica i regimi di indicazione geografica dell’Unione Europea “proteggono in modo specifico il saper fare, l’autenticità e le condizioni agroambientali”.

Le indicazioni geografiche comprendono le indicazioni geografiche protette (IGP) e la denominazione di origine protetta (DOP).

Questi regimi tutelano il nome di un prodotto che proviene da una regione specifica e segue un particolare processo di produzione tradizionale.

Per i vini DOP vuol dire che le uve devono provenire esclusivamente dalla zona geografica in cui il vino è prodotto.

Mentre IGP significa che almeno l’85% dell’uva utilizzata deve provenire esclusivamente dalla zona geografica in cui il vino viene effettivamente prodotto.

CONTRAFFAZIONE E MADE IN ITALY LEX AROUND ME

Photo by Kate Bezzubets on Unsplash

 

Contraffazione e riconoscimento europeo

Per tutti i regimi di qualità, le autorità nazionali competenti di ciascun paese dell’Unione Europe adottano le misure necessarie per proteggere le denominazioni registrate nel loro territorio.

E dovrebbero prevenire e bloccare la produzione o la commercializzazione illegale di prodotti che utilizzano tale denominazione.

Ma perché è importante preservare queste sigle?

Perché identificano la qualità e la provenienza di un prodotto. E perché garantiscono agli agricoltori e ai produttori un giusto guadagno per la qualità e le caratteristiche del loro prodotto o del suo metodo di produzione.

Inoltre forniscono ai consumatori informazioni chiare e precise sui prodotti e sulle caratteristiche specifiche.

Ecco perché il rischio di confusione nel caso di riconoscimento IGP o DOP per il vino “Prosek” preoccupa i produttori italiani del nostro prosecco.

Se pensi, poi, che il marchio Champagne è protetto così bene che anche Yves Saint-Laurent ha dovuto cambiare il nome a un suo profumo, che si chiamava appunto Champagne, nominandolo “Yvresse” la questione del nostro Prosecco risulta ancora più spiacevole.  

Leggi anche gli altri articoli della sezione Proprietà Industriale per tutti gli approfondimenti.

Oppure se vuoi risolvere una tua questione legale prenota qui la tua consulenza.

Per tutti gli aggiornamenti segui #LexAroundMe

Lascia qui il tuo commento al blog e ai servizi di LexAround.me

Contraffazione e #madeinitaly #marchio #ProprietàIndustriale #tuteladelmarchio #DOP #IGP #vino #aziendeitaliane #prosecco #LexAroundMe Condividi il Tweet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *