Conquistami con il tuo e-commerce

CONQUISTAMI CON IL TUO E COMMERCE AVV SILVIA DI VIRGILIO LEX AROUND ME MILANO

Conquistami con il tuo e-commerce.

La nostra capacità di concentrazione è ormai inferiore a quella di un pesce rosso.

Non siamo disposti ad attendere un secondo in più se la pagina web che stiamo visitando non carica nei tempi che ci aspettiamo o se il sito in cui navighiamo non è di immediata fruizione.

Il mantra per ogni attività strategica online o per qualsiasi progetto che vuoi realizzare è quindi: conosci il tuo target.

Un annuncio AdWords, un contenuto video o testuale non avrebbero senso se non avessimo sempre ben presente davanti a noi chi è il cliente potenzialmente interessato al nostro prodotto o servizio.

Per un e-commerce il punto di partenza è sempre l’analisi del nuovo consumatore digitale, step fondamentale sia che si operi online sia offline.

Prima di guardare al potenziale cliente bisogna comprendere chi è, come agisce e quali preferenze manifesta.

Gli acquisti online

Le abitudini di acquisto dei nuovi consumatori digitali sono sempre più orientate al commercio elettronico.

Sono in particolare i millennials  a dimostrare una preferenza netta per gli acquisti online, a dispetto dello shopping tradizionale.

Il consumatore digitale utilizza i canali online per tutte le fasi d’acquisto e non solo per finalizzare la transazione. Sempre sul web, infatti, si informa su prezzi, dettagli del prodotto, recensioni di altri utenti e nel 53% dei casi lo utilizzando il suo telefono.

Una customer experience personalizzata

La principale motivazione che spinge un consumatore a preferire l’acquisto online è ancora legata alla possibilità di trovare prezzi più vantaggiosi grazie al web.

Tra le altre motivazioni, quelle più gettonate sono la possibilità di confrontare facilmente i prodotti tra loro (al 41%) e di leggere il parere di altri utenti grazie a commenti e recensioni (40%).

Gusti e necessità non vanno solo assecondati ma addirittura previsti. Per questo motivo marketing automation, chatbot e intelligenza artificiale diventano il migliore alleato di brand e retailer.

Il 40% dei consumatori considera  indifferente che il customer service dell’azienda a cui si rivolgono sia gestito da una persona reale o da un chatbot. L’importante è ottenere le risposte che si stanno cercando e poter reperire le informazioni utili.

Gli e-commerce che inviano comunicazioni customizzate e propongono prodotti ad hoc ai propri clienti si guadagnano il 78% di possibilità in più di conversione, a dimostrazione che un rapporto personalizzato con il cliente ripaga sempre.

E l’acquirente italiano?

Anche in Italia sono in aumento i consumatori digitali abituali (al 56%). Il fattore prezzo riveste sempre un ruolo importante (per il 75%) e cresce l’uso di portali di comparazione prezzi (al 50%).

Alla guida del mercato digitale italiano restano i consumatori abituali, quelli che comprano almeno una volta al mese (al 56%); seguono gli intensivi, che comprano una o più volte alla settimana (al 22%) allo stesso livello degli sporadici, che acquistano una volta ogni trimestre o meno.

Sulla base di questi numeri, la percentuale di chi effettua in media almeno un acquisto al mese è pari al 78%. Un e-consumer italiano su due acquista una volta al mese se non di più.

In Italia gli uomini che acquistano online sono ancora in maggioranza rispetto alle donne (il 61,3% contro il 38,7%).

L’Italia risulta la nazione con la minor partecipazione al femminile nello shopping online. Il paese dove c’è più parità di genere rispetto al fenomeno e dove le donne sono più attive è invece la Spagna (uomini al 53,8% e donne al 46,2%).

Nella distribuzione geografica, più grande è il centro urbano, maggiore è la concentrazione di consumatori digitali intensivi.

Osservando le fasce di età, il profilo del consumatore digitale ha tra i 35 e i 44 anni (per il 26,9%) mentre la fascia di età che va dai 45 ai 54 anni copre il 21,3%.

Gli articoli per i quali i consumatori digitali italiani spendono con maggiore frequenza sono quelli del settore cultura e intrattenimento(al 65%), dell’abbigliamento (al 64%) e dell’elettronica(sempre al 65%).

Oggi gli utenti cercano sempre di più un’esperienza tagliata su misura e adatta alle loro esigenze. E  per soddisfarle il tuo e-commerce deve creare fiducia rispettando la legge.

Vuoi sapere se il tuo e-commerce è a norma con il GDPR? Leggi questo Post oppure contattami. Il nostro team di professionisti ti assisterà nel processo di messa a norma.

Scopri anche il nostro servizio di consulenza telefonica studiato apposta per te!

Lascia qui il tuo commento al nostro blog e ai servizi di LexAround.me

 

 

Conquistami con il tuo #e-commerce #brand #GDPR #internet #LexAroundMe Condividi il Tweet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.