Come ti proteggo l’innovazione

COME TI PROTEGGO L INNOVAZIONE AVV SILVIA DI VIRGILIO LEX AROUND ME MILANO

Come ti proteggo l’innovazione

Lo sviluppo di Internet, con l’adozione di nuove tecnologie, l’introduzione dello IoT, cioè l’Internet delle cose che permette agli oggetti di interagire con altri oggetti e, quindi, con le persone in modo sempre più digitale e della stampa 3D portano a riflettere sulle problematiche in tema di diritti di proprietà intellettuale e industriale.

E ci impongono di interrogarci sulla ricerca delle strade più appropriate per difendere il risultato della nostra innovazione rispettando i diritti altrui. 

Esempio cardine di queste nuove esigenze sono le tecnologie relative alla c.d. impronta digitale. Che consentono il riconoscimento dell’utente non più attraverso la password, ma servendosi della sua impronta digitale.

Ovviamente con sistemi che rendono sempre più difficile sostituirsi al titolare semplicemente rilevando la sua impronta da oggetti che può aver toccato.

Algoritmi, nuove App, strumenti elettronici sempre più avanzati ci impongono di ripensare le forme di protezione delle innovazioni.

Anche in nuovi settori, a partire da quelli relativi alla qualità della vita, dallo smart living al biomedicale, sempre più determinanti nella nostra economia.

E’ necessario riconsiderare la stessa nozione di innovazione, in quanto è sempre più frequente che ad essere inventivo sia lo stesso fatto di porsi un determinato problema tecnico. 

In molti casi la soluzione adeguata consiste nella tutela del segreto commerciale. Che però non è illimitata, non essendo opponibile a chi raggiunge in modo indipendente lo stesso o un analogo know-how.

E soprattutto presuppone l’individuazione esatta di ciò che si vuol proteggere. Essenziale anche per la validità di eventuali contratti di trasferimento o licenza.

O anche per l’adozione e il rispetto rigoroso di misure tecniche e giuridiche idonee a mantenere la riservatezza. 

Naturalmente anche Apps e software possono essere oggetto anche di tutela di diritto d’autore, pur nei limiti di tutela dell’espressione usata, in particolare, dell’algoritmo. E non l’idea di soluzione che sta alla base di essa.

Ragione in più per valutare se sia il caso di proteggere quest’ultima mediante il brevetto.

Va anche, poi, considerato che molto spesso queste nuove tecnologie integrano prodotti e soluzioni preesistenti, apportandovi modifiche più o meno significative. Creando oggetti in qualche misura nuovi.

Che in alcuni casi possono essere oggetto di protezione autonoma. E in altri possono interferire con i diritti che ancora sussistano sugli oggetti originari.

Quanto al diritto d’autore, le elaborazioni creative di un’opera protetta sono proteggibili ma non possono essere sfruttate senza il consenso del titolare dei diritti sull’opera di base. E non si può escludere che un nuovo brevetto implichi l’uso di un software preesistente. O un’App vada ad integrare un prodotto o un procedimento brevettato.

Prima ancora, quindi, di valutarne l’effettiva proteggibilità si pone il problema di stabilire se si è liberi di attuare la propria nuova creazione, senza violare diritti altrui.

La consultazione delle banche dati diventa quindi ancora più importante, sia per apprendere le ultime novità sia per trovare soluzioni alternative degli stessi problemi tecnici e sia per comprendere dove vale la pena di investire in ricerca. Avendo una prospettiva concreta di ritorno degli investimenti.

Occorre anche poter sfruttare al meglio gli incentivi, anche fiscali (Patent Box, che nel nostro Paese copre anche il know-how) per queste innovazioni e per l’internazionalizzazione, indispensabile per gli innovatori.

 

Se vuoi approfondire gli argomenti trattati in questo Post “Come ti proteggo l’innovazione” leggi gli articoli delle sezioni Proprietà Industriale e Proprietà Intellettuale.

Oppure se vuoi risolvere una tua questione legale prenota qui la tua consulenza.

Per tutti gli aggiornamenti segui #LexAroundMe

Lascia qui il tuo commento al blog e ai servizi di LexAround.me

 

Come ti proteggo l'#innovazione #ProprietàIndustriale #brevetto #ProprietàIntellettuale #app #LexAroundMe Condividi il Tweet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.