Ah, che bellu ccafè, pure ‘n carcere ‘o sanno fà

AH CHE BELLU CCAFE PURE 'N CARCERE 'O SANNO FA LEX AROUND-ME AVVOCATO SILVIA DI VIRGILIO MILANO

Ah, che bellu ccafè, pure ‘n carcere ‘o sanno fà

Nell’epoca dei social e del crowdfunding anche Cosa Nostra si adegua e lancia un nuovo marchio, “Zu’ Totò”, per la commercializzazione di olio e caffè. E inizia con le cialde di caffè.

La figlia di Totò Riina e il marito vogliono iniziare una nuova attività e aprono un sito di E-commerce – zu-toto.scontrinoshop.com –  in cui esordiscono con “Benvenuti su Zu’ Totò” e organizzano una vera e propria prevendita per raccogliere ordini e capitali che servono per avviare una nuova società.

All’interno del sito l’invito:

“Vogliamo commercializzare alcuni prodotti a marchio Zù Totò, iniziamo con le cialde di caffè, facciamo questa prevendita per raccogliere ordini e capitali che servono per avviarci, visto che ci hanno sequestrato tutto senza motivo e stiamo praticamente senza… lasciamo stare, ci rifaremo se ci aiutate. Grazie in anticipo della fiducia, attendiamo numerosi i vostri ordini e poi, il tempo di costituire nuova ditta e vi spediremo quanto pre-ordinato”.

Un vero e proprio crowfunding.

Il lancio dell’attività imprenditoriale era stato annunciato qualche giorno fa da Antonio Ciavarello, – genero di Riina e già ai domiciliari per un residuo di sei mesi di pena dopo essere stato condannato per una truffa commessa nel 2009 – anche con un post sul suo profilo Facebook, che è stato poi rimosso.

Dopo che la questione è stata portata all’attenzione dei carabinieri, che stanno facendo accertamenti per verificare che la pubblicazione sul sito di e-commerce sia effettivamente stata fatta dai Ciavarello-Riina, anche il sito E-commerce non è più disponibile.

Dei profili di legittimità dell’iniziativa commerciale se ne occuperanno le forze dell’ordine.

Ma il marchio“Zu’ Totò” ha i requisiti per essere validamente registrato?

C’è da dire che da un punto di vista meramente formale, il marchio presenta tutti i requisiti di validità per la sua registrazione.

Sicuramente si tratta di un marchio dotato di capacità distintiva e, quindi, idoneo a contraddistinguere il prodotto.

Altrettanto rispetta il requisiti di novità, con un rischio di confusione per i consumatori pari a zero.

Anche la liceità, intesa come requisito del marchio sarebbe rispettata: il marchio non può contenere segni contrari alla legge, all’ordine pubblico o al buon costume, stemmi o altri segni protetti da convenzioni internazionali.

Certo, consentire la registrazione di un marchio che rimanda a valori e principi mafiosi dovrebbe, forse, prendere in considerazione un ambito più ampio di contrarietà alla legge.

Ma si sa, il caffè è una passione degli Italiani e nessuno resiste al suo richiamo, nemmeno Cosa Nostra.

Ti è piaciuto questo post? Fammelo sapere nei commenti e se vuoi fammi un tweet.

Ah, che bellu ccafè, pure 'n carcere 'o sanno fà #Marchi #ProprietàIndustriale #LexAroundMe Condividi il Tweet

Vuoi dare valore alla tua azienda anche attraverso il tuo marchio? Scopri come con il mio Post “Il marchio come patrimonio aziendale” oppure se hai altri dubbi o richieste contattami qui.

Grazie e a presto

Silvia Di Virgilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *